Tag

, , , , ,


 

Sono ormai trascorsi quasi due mesi di navigazione, e con calli alle mani e la forza di un lottatore Alex prosegue nella sua avventura. Qualche problemino con i pannelli solari ma per il resto procede tutto per il meglio, nonostante la sua lucida follia.

Riporto un pezzo di una email che mi è appena arrivata … ecco che l’artista che c’e’ in Alex sale in cattedra:

“Avete mai osservato il mare? Ok, d’accordo, tutti quanti l’hanno fatto. Intendevo dire osservare NEL mare, oltre l’immagine di noi stessi riflessa sul pelo dell’acqua. Non mi capita spesso, per lo più mi limito a passarci lo sguardo sopra e farlo scivolare via come la mia barca. Ieri però, mentre cercavo di pescare nel modo consigliato da Giuly (con alla lenza attaccata la testa di un pesce volante) l’ho fatto. Era l’ora di pranzo, l’ora in cui il sole si trova allo zenit e i raggi penetrano prepotentemente nell’acqua come tante lame a portare luce dove di solito non arriva. Complice forse il ricordo degli avvistamenti della balenottera e dei globicefalo di 10 giorni fa mi sono trovato a considerare quanto poco conosca, in effetti, questo mondo e le creature che ogni tanto emergono a sorpresa. Lo abito ormai da circa due mesi, ma ho sempre più ho la consapevolezza di conoscerne solo la parte a me visibile. Ma come un iceberg, sono convinto, le meraviglie sono quelle immerse. -lo sapranno bene i sub- Chissà cosa si nasconde in questi abissi, quali meraviglie, quali esseri viventi, adattatisi a vivere nella totale ed innaturale oscurità popolano i fondali. Credere che esistano ancora angoli della terra dove nessun uomo, nessuna macchina creata da esso siano mai arrivati e che forse mai arriveranno a rivendicarne la proprietà, mi dà una non ben definibile sensazione di vittoria”

Advertisements