E’ domenica e stiamo navigando a 5 miglia al traverso dalla rada di La Spezia per andare verso Porto Venere, la barca si muove sotto un’onda lunga di risacca , più a Sud mare formato e vento.

Dopo alcune ore un ragazzo a bordo non sta bene, ormai siamo davanti al Tino e decido di tornare in porto . Non mi sembra un comune mal di mare ma piuttosto temo per un possibile  colpo di sole. Decido quindi di prendere terra il più rapidamente possibile.

Fuori dalla rada 3 navi (di domenica si lavora ) cargo che sostano nell’attesa della Pilotina di La Spezia, decido di passare tra la Prua e la poppa di due navi per poter prendere terra. La seconda nave è ferma ed è a poche miglia da me.

Passo, vela ( e motore acceso non si sa mai) e passo . Tra me e la prua della nave c’e’ almeno un Miglio ed in mezzo altre imbarcazioni a vela e a motore…

Passo e la nave inizia a muoversi lentamente….ma non posso fermarmi, devo guadagnare terra, fare il giro sarebbe devastante per l’infermo a bordo … e devo comunque assicurarmi che la situazione non peggiori.

Passo senza neanche pensare ad un pericolo, la prua è davvero distante….passo …e tra me e la prua della nave altre imbarcazioni (alcune anche troppo vicine)…

Dopo alcuni minuti mi raggiunge la pilotina…(io ormai ero distantissimo dalla nave)e mi si affianca sottovento …muah!… Il “pilota” comincia a mandarmi affa… e dicendomi “IL COMANDANTE RINGRAZIA” …tra i diversi insulti e schiamazzi (sempre sottovento e io di bolina) mi ricorda che è pericoloso passare vicini alla prua delle navi…

Lo guardo stranito e gli ricordo che “Guarda che l’ho lasciata almeno a 1 miglio….”, tra me e me non posso crederci…ovviamente i ragazzi a bordo si preoccupano e il ragazzo che stava male fa una faccia preoccupante. Ma nenahce a dirlo, l’uomo mi manda ancora a visitare quel “famoso paese” senza neanche ascoltare o capire.

Cerco di fargli  capire che ha sbagliato barca evidentemente…c’erano altri tra me e la nave ..ma nulla..non c’e’ da parlare con questo.

Faccio cenno con una mano tra il PIANTALA e HO CAPITO così da allontanarlo e proseguire tranquillo verso Lerici…il gentil pilota prende nota della mia barca e va via….della serie “Punirne uno per punirne 100″….e ora vedremo…

Ah, per capire se la nave era ferma o in movimento ho dovuto prendere il binocolo, questo per farvi capire quanto era distante da me in prua, e per farvi capire a quanto poteva proseguire quella nave …

Strana esperienza….

Annunci