Archivio mensile:febbraio 2008

Lago d’Iseo : Campionato invernale

si parte

 

Domenica 2 Marzo riparte la stagione con la 3° giornata del Campionato Invernale del lago d’Iseo.La più interessante occasioni per confrontarsi sul lago nostrano. Imbarcazioni di ogni genere si fronteggeranno a colpi di bordi e spi per aggiudicarsi il titolo di Campio d’Inverno. Il lago d’iseo è una bellissima palestra d’allenamento per color che non possono raggiungere il mare per problemi di distanza, e grazie ad un vento sempre costante nell’inserimento (Sud) e preciso come un orologio svizzero tanto da chiamarlo “ORA” . Questo vento termico lacustre inizia a soffiare da Sud circa lle 11.00 e finisce verso le 18.00 offrendo ai velisti una propulsione sicura, in uno scenario incantevole. Domenica 2 Marzo 2008 tutta davanti a Tavernola per divertisri. Io partecipero’ con l’quipaggio j24, siamo messi un po’ malino in classifica, ma speriamo che  il mio rientro (dopo lo stop forzato di 2 turni a causa dell’ernia discale ormai famosa) possaportare fortuna.

Annunci

Alex Bellini …PARTITO!!!

alex3.jpgalex2.jpg 

Finalmente Alex è riuscito a partire, dopo 40 giorni di battaglie burocratiche è riuscito a mollare le cime d’ormeggio e partire. La fronte è ormai rivolta all’orizzone, con un solo pensiero nella testa: “REMA” ; con una media di circa 1,2 Kts si allontana dalla costa, e nel giro di 24 ore potrà dirsi lontano dal pericolo attualemente più incombente “LA COSTA”.

 Per una barchetta da 6 Mt ultra leggera con l’unica propulsione dei remi, basterebbe anche un vento teso e una corrente a favore di costa per far tornare a casa Alex prima del tempo. Quindi sicuramente in questo momento starà remando come un folle per allontanarsi velocemente dalla costa rocciosa del Perù. In quella zona infatti spesso il vento è inclemente, ma il nostro Alex ha già dimostrato di essere più forte anche delle forze della natura.

 Da questo link http://www.alexbellini.it/posizione.php si potrà capire i progressi e la rotta di Alex grazie alla connessione satellitare dalla suo natante.

Ciao a tutti e Buon Vento per il Week End

ALone-2008 …count-down

alexbellinitesta.jpg

 Il CountDown è iniziato , Alex partirà il giorno 21 Febbraio (domani occhio anche al fuso) sfruttando venti leggeri da SE .
Vedendo cosa gli è capitato negli ultimi 40 giorni non vorrei che partisse in fretta con la voglia di lasciarsi alle spalle tutto cio’ che è accaduto a Lima.

Ogni tanto mandategli un messaggio SMS on-line , si sentirà meno solo!  http://www.alexbellini.it/invia_sms.php

 Buon Vento Alex, e speriamo che Francesca giri un video della tua partenza .

P.S. un grande ringraziamento a Skipper di http://www.navigamus.blogspot.com/  che  ha sposato da subito la causa AL-One 2008 riportando sul suo blog tempestivamente le info di Alex. Cari amici  malati di vela ,Skipper ha un blog bellissimo dove potrete trovare preziose informazioni sull’adriatico…..è meglio di un portolano!!! Un giorno gli dedico un Post intero , lo merita…

News da Alex Bellini

alex-partenza.jpg

 Finalmente la barca è sdoganata!

Riporto:

Dopo una lunga attesa ieri siamo riusciti nella prima grande avventura, portare la barca al Club de Regattas. Il Club, ricordo, sarà il luogo di partenza per la mia traversata oceanica che avrà inizio non appena le condizioni meteo me lo permetteranno.
Da questa mattina, Francesca ed io, abbiamo iniziato a lavorare alacramente per ultimare la preparazione dell´imbarcazione.
Io mi sento già pronto per il grande passo, spero di potervi comunicare presto la data esatta della partenza.
Che emozione, ragazzi!
Alex

Via la coppa america entri VOR

vor_ericsson_h15.jpg

 Anche il colosso Alinghi comincia a scricchiolare sotto i colpi duri della finanza , e ,come al solito, alla fine di ogni America’s Cup si finisce per litigare per un tozzo di pane miliardario o qualche cosa di più. Ecco perchè a mio avviso bisogna cominciare ad addentrarsi nelle competizioni veliche più vere ed estreme le quali  mi sono sempre piaciute più delle AC Fashion  . La Vor (Volvo Ocean Race) per esempio, è una  regata miliardaria ma con la bellezza del giro attorno al mondo. Vor non risparmia colpi duri agli equipaggi, sferzando gli scafi alle latitudini più impensabili. Nel link di mondovela ci sono molti video dedicati alla VOR , regata estrema che purtroppo e troppo spesso elenca deceduti sul campo .Negli scorsi giorni Ericsson ha varato la sua prima barca per questa grande importante regata.

Per i forti di cuore riporto questo link http://www.volvooceanrace.tv/page/2005to06Documentaries/0,,12573,00.html

Riporto il comunicato stampa.

Portsmouth (England) – 13 February, 2008 – Ericsson last night launched the first of their two challengers for the 2008-09 Volvo Ocean Race at the World Trade Centre Plaza in Barcelona. The second generation Volvo Open 70, named Ericsson 3 and designed by Argentina’s Juan Kouyoumdjian, was officially christened before an audience of 1,500 guests.

Lo squalone

pescione.jpg 

E io che pensavo di vedere sommergibili… 

Roma, 15 feb. (FonteApcom) – Uno squalo elefante adulto, un cetorino (Cetarhius maximus), è stato ritrovato morto ieri pomeriggio a meno di un miglio dalla costa tra Trabia e la frazione marinara di San Nicola l’Arena nel palermitano. L’esemplare è un maschio di circa quattro tonnellate e lungo 6.95 metri che è rimasto intrappolato intrappolato nella rete di un pescatore morendo per soffocamento. Si tratta di un raro esemplare di squalo, innocuo per l’uomo, che purtroppo è incappato in un tramaglio, rete composta da 3 pezzi, tipico strumento della pesca artigianale che si utilizza entro poche miglia dalla costa. Questa specie rappresenta il più grande pesce dei nostri mari, spiega l’associazione Marevivo; è un gigante buono che nonostante la mole e i frequenti avvistamenti riserva ancora molte incognite. Si nutre di plancton, può arrivare a misurare 9-10 metri e d’inverno si perdono le sue tracce. Non si conoscono, infatti, le sue abitudini ecologiche. Lo squalo cetorino vive in mare aperto e nelle acque costiere, a cui spesso si avvicina; compie lunghe migrazioni stagionali per la ricerca di plancton. “Lo squalo elefante – scrive l’associazione Marevivo – rappresenta una delle specie marine più minacciate nel Mediterraneo”, essendo stata inserita nella lista rossa delle specie a rischio della International union for conservation of nature. Si tratta di un ritrovamento anomalo, secondo gli esperti dell’associazione Marevivo: “L’anomalia è data dal fatto che lo squalo si trovasse nella stagione invernale così vicino alle coste, quando invece la sua presenza si registra soprattutto in primavera”. Probabilmente è una “conseguenza degli effetti del cambiamento climatico sugli ecosistemi marini”, ha detto Franco Andaloro, membro del comitato scientifico di Marevivo e dirigente di ricerca dell’Icram. Il presidente di Marevivo, Rosalba Giugni, ribadisce “l’assoluta urgenza di adottare un piano d’azione nazionale ed europeo per la protezione degli squali, che garantisca adeguate misure di conservazione e tutela di queste specie

Immondizia, non solo Napoli

immondizia.jpg

 Leggendo alcune testate giornalistiche estere scopro che si parla spesso di un continenete invisibile di immondizia nell’Oceano Pacifico. L’immagine allegata spiega questo fenomeno. A 500 miglia dalla california l’isola semi galleggiante si estende per una superficie 2 volte quella degli USA. Inizialemente da rilevamenti satellitari si pensava a una massa solida sulla quale poter addirittura camminare, ed invece è una massa lattiginosa plastica che minaccia seriamente la fauna marina e staziona tra le Hawaii e il Giappone.

Circa 100 milioni di tonnellate di rifiuti storici che trasportati dalle correnti si sono radunate nell’ocenao pacifico. Che tristezza. La mala-immondizia rappresenta  ormai un problema planetario.

Vedremo ancora la America’s Cup?

alinghi.jpg

 L’estate scorsa si è conclusa la 32° America’s Cup con la vittoria di Alinghi su New Zealand Challenger. Era appena conclusa la cerimonia di premiazione e i giornalisti sportivi già si chiedevano dove, quando e con quali regole la 33° America’s Cup si fosse disputata. Una ressa a strappare informazioni a Ernesto Bertarelli, lo svizzero armatore di Alinghi. Poche settimane dopo scorpiamo le nuove regolamentazioni decise da Alinghi per la prossima competizione, e da subito si assiste ad  un aspor ricorso al tribunale della corte suprema di  New York da parte di Larry Ellison Armatore di BMW Oracle per reali norme anti sportive. Ad oggi si aspetta ancora una risposta, ma nel frattempo Team New Zealand fa sapere che non prenderà mai parte alla prossima edizione, Salvatore Sarno ,il napoletanissimo cuore di Shosholoza (barca Sud Africana), fa sapere che gli sponsor si stanno ritirando . Riusciremo a vedere ancora la regata regina del Match Race ormai bruciata da stra-miliardari che si picchiano per mancanza del senso sportivo?

Forse ai catamarani l’ardua sentenza.

Punta Ala

marinapuntala.gif 

Mercoledì scorso sono passato da Punta Ala e ovviamente mi sono soffermato al Marina.

Cosa dire, chi non conosce l’organizzazione di un porto turistico così ben organizzato ed attrezzato?. Magari in tarda primavera ed estate un po’ troppo trafficato;  e porprio per questo motivo  ho scoperto un porto infrasettimanale del tutto rilassante e pacifico. L’unica gente che si avvicinava alle imbarcazioni erano i vari cantieri ormai pronti alla stagione 2008, intenti a pulire, sverniciare, etc etc . Quanto pagherei per vivere in un posto del genere…Forse pretendo troppo pensando a Punta Ala, ma ,almeno nei sogni, permettetemi di scegliere il posto che più mi piace. Giusto per non famri mancare nulla, prima di raggiungere alcuni amici a Roma, ho fatto un bel pranzetto al Marina a base di tagliolini all’astice. Forse è un piatto scontatissimo e per alcuni da “sborone”?  Ma a me, grezzone quale sono, piace troppo il cibo per pensare di rinunciare ad una simile leccornia.

 punta-ala.jpg

 Sapendo di fare felici altri amici che girano sul blog inserisco un  link a Webcam che ci ricorderanno del mare nel pieno grigio della città.

 http://www.puntaala.net/home/sea_puntaala_net.jpg

Snipe, solo per pochi

 

Progettista: Bill Crosby (1931)

Forma dello scafo: a spigolo

Equipaggio: 2 persone

Lunghezza fuori tutto: 4720 mm

Lunghezza al galleggiamento: 4114 mm

Larghezza: 1520 mm

Pescaggio (deriva su/giù): 150 mm / 955 mm

Superfice velica: 10,80 mq

Piano velico: randa/fiocco, tangone per il fiocco nei laschi (niente spinnaker)

Peso: 172,8 kg (scafo, albero, attrezzatura fissa, timone, deriva)

Regolamento di costruzione: strettamente monotipo con possibilità di innovazioni su attrezzatura, manovre e disposizione della coperta

Interpretazioni delle regole della classe: www.vivoscuola.it <!—->

Costruzione (scafo): varia a seconda del costuttore; generalmente sandwich di balsa o termato in vetroresina (poliestere o epossidica) con talvolta lavorazione sottovuoto; alcune barche in legno (nuove e vecchie) sono ancora competitive ; nessun materiale esotico (niente carbonio o kevlar)
www.snipe.org/articles/noe
www.snipe.org/articles/woodboat

Costruttori: numerosi in Europa, Stati Uniti e Sud-America e Giappone.
www.snipe.org/buy/new

Costruzione (albero): in alluminio con rastrematura sulla punta. (carbonio espressamente vietato)

Manovre correnti: cunninghams fiocco/randa; vang; base randa; controllo della flessione dell’albero; archetto; drizza del fiocco (si lasca con l’uso del tangone)

Usato: lo Snipe, a differenza di altre derive, rimane competitivo molto a lungo. Esistono ottime occasioni di barche usate

Associazione di classe internazionale: www.snipe.org

Associazioni di classe nazionali: www.snipe.org/regional

Flotte Snipe in Italia: flotte

Flotte Snipe nel mondo: www.snipe.org/specs/usfleet, www.snipe.org/specs/interfleet

 Regate principali: Campionati Mondiali: Assoluti, Juniores, Femminili, Master. (tutti ogni 2 anni) Campionato dell’emisfero occidentale (ogni 2 anni in opposizione ai mondiali) Campionati Europei (ogni 2 anni in opposizione ai mondiali) Campionati Nazionali (tutte le nazioni e ogni anno) Campionati Nord-Americani Campionati Sud-Americani

Regate principali in Italia: Campionato italiano assoluto, juniores, femminile e master (ogni anno), 4 regate Coppa Duca di Genova (regate nazionali in località diverse), Campionato del Sud Europa, Campionato dell’Adriatico, Campionato del Tirreno, Campionati zonali (organizzato nelle singole zone su un determinato numero di prove/regate), numerose regate locali, Campionati invernali

Per una Bergamo diversa….e spunta Angiolo

 

la-politica.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oggi prendo una copia del “il Bergamo” ex dellutriano giornale locale che normalmente prendo per tirarmi un po’ su il morale. A pagina 22 leggo  un’articolone su un ricercatore bergamasco, il quale dedica un sito all’attuale crisi di governo. Il giornaletto riporta che il Blog è uno dei più cliccati nella Bergamaca (più del mio amico Giorgio o di Guido? , non penso lo conoscerei, mi sono fatto scappare un blog così? che matto) , con idee innovative per cambiare il mondo in cui viviamo. Il neo politico è il Dott. Angiolo G… (così si firma anche sul suo Blog, per la prima volta non ho sbagliato a scrivere , il suo nome si scrive proprio così e non riporto neanche il cognome per rispetto alla rete Internet), il quale mette in rete anche i suoi  progetti politici e,badate bene,  in una forma nuova…audio…; infatti appena apri il suo sito su xoomer , spunta una voce simil Berlusconiana che incita i cittadini al voto.

Per pudore non riporto il link al Blog,  se lo vuoi scrivimi in privato , del resto neanche il quotidiano lo riporta . (anche lui per pudore?)

Ragazzi, comunque cercarlo con Google è davvero difficile, ma la sua rete di consesi è già ampia…139 contatti AHAHAHAH un centesimo del Blog dei Blog piùpiccoli che conosco ….ma dai….ma per favore….

Se questa dovrà essere la Bergamo migliore o la politica della nuova generazione prefersico cominciare a mollare gli ormeggi e salpare prima che la barca affondi!!!